Tassare le criptovalute, problemi e possibilità

Fredrick Awino
06.07.2022
205 Views

Le tasse raccolte dalle persone fisiche e dalle organizzazioni commerciali sono senza dubbio la principale fonte di entrate del governo. Questo accade anche nelle nazioni più ricche. Attualmente, il sistema finanziario internazionale, che prevede essenzialmente l’uso di valuta fiat, è in larga misura sotto il pieno controllo dei governi.

WARNING: Investing in crypto, or other markets, can be of a high risk for your savings. Do not invest money you cannot afford to lose, because there is a risk for losing all of your money when investing in crypto, stocks, CFDs or other investments options. For example 77% of retail CFD accounts lose money.

Un’istituzione come la banca centrale di un paese esegue il controllo fiat della valuta nazionale di ciascun paese. Con le criptovalute che rivendicano l’autonomia dalle agenzie fiat, il problema si sposta su come opereranno i governi.

La questione della tassazione delle criptovalute o del monitoraggio della loro provenienza è un enigma che la maggior parte dei Paesi, soprattutto quelli in via di sviluppo, deve ancora risolvere. Oggi,
gli Stati Uniti hanno istituito un sistema completo di tassazione delle criptovalute
che supporta questa nuova ondata.

A differenza degli Stati Uniti, Paesi come la Nigeria e il Kenya non hanno ancora stabilito meccanismi per tassare le criptovalute. Il problema della tassazione delle criptovalute nelle economie emergenti è che la tassazione della valuta fiat non è mai stata efficiente e quindi non è ancora chiaro come si comporteranno le criptovalute.

Per avere un’idea dell’infrastruttura necessaria per portare le criptovalute alla piena tassazione,
leggere qui
. È dubbio che questa tassazione possa essere facilmente raggiungibile nelle economie nascenti. Questi Paesi stanno già affrontando il problema della fiducia e la buona volontà dell’opinione pubblica ha ancora bisogno di un’adeguata battitura del pannello.

Le criptovalute, la nuova opzione di investimento e di pagamento in città

Da oltre un decennio esiste un modo radicalmente nuovo di effettuare i pagamenti. Come forse sapevate, il creazione di criptovalute nel 2009 ha portato alla creazione di una serie completa di pagamenti. I cittadini di tutto il mondo hanno beneficiato dell’ascesa di questo investimento evidentemente scottante.

Una questione importante che è stata oggetto di discussione tra gli investitori in criptovalute, in particolare tra i pionieri delle criptovalute,
Bitcoin
è la sua tassazione. Idealmente, la maggior parte delle autorità di regolamentazione sta spingendo per l’imposizione di tasse su qualsiasi reddito generato dalle transazioni effettuate. Questo è il fulcro della discussione odierna.

L’ampio dibattito sulla tassazione delle criptovalute

Sebbene sia possibile, alcuni esperti finanziari sostengono che qualsiasi decisione di tassare le criptovalute richiederà una tecnologia sofisticata e un sistema di tassazione. Tali sistemi devono essere di base drasticamente diversi dai metodi tradizionali di tassazione. D’altro canto, altri sostengono che la tassazione sia un’opportunità per il governo di guadagnare denaro extra nell’ambito delle sue finanze pubbliche.

Alcuni Paesi trattano già la criptovaluta come una proprietà ai fini fiscali e non come una valuta. In questo senso, gli obblighi di rendicontazione fiscale per questa valuta digitale assomigliano a quelli di una tradizionale compravendita di azioni. È probabile che si verifichino plusvalenze e minusvalenze su qualsiasi attività o evento imponibile.

Sebbene il mosaico di nuove tasse sui redditi ottenuti con le criptovalute sia in aumento, la natura delle criptovalute e le loro modalità di transazione potrebbero rappresentare una sfida enorme per i funzionari del fisco. Discutiamo alcune delle sfide e delle opportunità della tassazione delle criptovalute.

Le sfide alla tassazione delle criptovalute che i paesi dovranno affrontare

Una miriade di sfide emergono ancora mentre
le criptovalute continuano a guadagnare terreno
e la presenza in paesi che nessuno avrebbe mai immaginato. Ciò che tiene i funzionari governativi a grattarsi la testa è il modo in cui assicurarsi di ricevere la loro parte di cesare della crescente torta delle criptovalute. È una preoccupazione legittima, soprattutto ora che i media sono pieni di storie di persone che fanno grandi fortune con gli investimenti in criptovalute. Comunque anche gli altri perdono molto.

Ecco solo alcune delle numerose sfide che la tassazione delle criptovalute deve affrontare.

Difficoltà nell’assegnare il costo di base delle criptovalute

Nella maggior parte dei casi, il trading di criptovalute comporta l’acquisto e la vendita di criptovalute nelle borse valori. Esistono diversi scambi. Tuttavia, consigliamo Etoro, Binance e Plus500. Vi renderete conto che queste borse sono simili ai siti di intermediazione mobiliare che offrono agli utenti la possibilità di investire in azioni.

Gli scambi di criptovalute consentono agli utenti di utilizzare le valute digitali in tutte le transazioni. Gli investitori potranno inviare e ricevere criptovalute in modo fluido dai portafogli di scambio. Tuttavia, le borse non forniscono un modulo necessario per la dichiarazione e la presentazione dell’imposta sul reddito ai fini della tassazione.

Questa incapacità di rendicontazione e i complessi sistemi di tracciamento di tutte le principali piattaforme di criptovalute fanno sì che i professionisti del fisco trovino difficile applicare la tassazione sui redditi guadagnati con le criptovalute.

Perdita di accesso alle transazioni in criptovaluta

Un processo di tassazione tradizionale richiede alcuni tipi di dati. Idealmente, i professionisti fiscali hanno bisogno di questi dati per i loro usi e in un caso che, se non sono disponibili, diventa scoraggiante. La perdita dei dati delle transazioni è un problema comune tra gli utenti di criptovalute.

Nel recente passato, diverse borse, tra cui Cryptopia, hanno chiuso i battenti a causa di problemi di liquidità o di altro tipo. Non sorprende che la maggior parte degli utenti di tali società di scambio sia rimasta senza dati storici sulle transazioni. L’assenza di tali dati rende difficile la tassazione.

A dire il vero, i contribuenti hanno poco o nulla da fare quando i clienti perdono i dati delle transazioni. Allo stesso modo, se gli utenti non hanno accesso ai loro portafogli o non hanno i loro dati storici, le cose si complicano.

L’unico modo possibile per avere questi dati è incoraggiare i clienti a conservarli accuratamente e a presentarli successivamente al fisco quando necessario. Altrimenti, la corretta tassazione di le criptovalute possono rimanere un sogno non facile da realizzare.

Le sfide del software fiscale per le criptovalute

Gli esperti finanziari sono generalmente d’accordo sul fatto che, per rendere efficace un sistema di criptovalute, è indispensabile un software di tassazione efficiente. Idealmente, questo software può aiutare a collegare automaticamente i dati storici degli utenti, i costi e il valore di ogni transazione in criptovaluta. I fiscalisti utilizzano questi strumenti per estrarre e compilare le informazioni necessarie. Tuttavia, il numero crescente di scambi di criptovalute può minacciare l’applicazione e l’uso corretto di questo software. Non tutti i sistemi di tassazione hanno lo stesso design, il che può rendere difficile il loro utilizzo su tutti gli scambi di criptovalute.

Nel caso in cui il software fiscale sia incompatibile con una delle piattaforme,
il processo di tassazione non può essere avviato
. I professionisti del settore fiscale sono necessari anche per manipolare il tipo di dati raccolti dalle piattaforme di scambio. Questo processo può potenzialmente distorcere l’accuratezza dei dati raccolti. La maggior parte delle borse di criptovalute ha sistemi e funzionalità che limitano la quantità di dati estraibili o esportabili. Le possibilità che i preparatori fiscali ottengano dati limitati sono estremamente elevate.

Assenza di norme chiare sulla tassazione delle criptovalute

Un sistema fiscale efficace necessita di un quadro finanziario e di un meccanismo di tassazione ben definiti. In assenza di tali sistemi, l’obiettivo generale della tassazione è irraggiungibile. In effetti, le autorità di regolamentazione devono affrontare alcuni elementi critici che riguardano la tassazione delle criptovalute. Idealmente, devono ancora fornire informazioni su come elementi come i lanci aerei, assegnazione della base e le forchette saranno affrontate dal punto di vista fiscale.

Opportunità nella tassazione delle criptovalute

Da quanto esposto, risulta evidente che i preparatori fiscali potrebbero ancora trovare difficile tassare i redditi da criptovaluta. Tuttavia, è importante sapere che è solo questione di tempo prima che inizi la tassazione delle criptovalute.

Diversi organismi di regolamentazione, come l
Agenzia delle Entrate (IRS)
ritengono ancora che il mercato delle criptovalute abbia aperto una serie di strade attraverso le quali imporre tasse ai trader di criptovalute. Alcuni degli eventi che tali enti normativi ritengono imponibili includono:

  1. Effettuare il pagamento di beni o servizi con i profitti di Bitcoin per acquistare beni.
  2. Scambio di una criptovaluta con un’altra.
  3. La ricezione delle criptovalute minate o biforcate.
  4. Scambiando la criptovaluta con una moneta a corso fisso emessa da un ente governativo.

Questa è la nostra ultima parola sulla tassazione delle criptovalute.

Il mondo delle criptovalute è in rapida evoluzione e sta diventando sempre più complesso. In effetti, nemmeno i burocrati che impiegano la loro vita a fare ricerche in merito riescono a risolvere questo problema. Con le spiegazioni di cui sopra, imporre la tassazione sui redditi da criptovalute richiede un grande sforzo.

È necessario scervellarsi molto per adeguare i regimi fiscali in modo da accogliere le criptovalute. Scommetto che la maggior parte dei Paesi in via di sviluppo impiegherà parecchio tempo per sviluppare sistemi fiscali adeguati. Questo getta nubi oscure sulla possibilità che questi Paesi raccolgano davvero la loro parte di tasse. Fino ad allora, aspettiamo che le autorità di regolamentazione forniscano informazioni su come elementi come i lanci aerei, assegnazione della base e le forchette saranno affrontate dal punto di vista fiscale.

Author Fredrick Awino