La criptovaluta non è una Blockchain, ecco il punto

Fredrick Awino
04.08.2022
187 Views

Se non si parla di bitcoin, si parla di criptovalute o blockchain. A dir poco, sono in tanti ad aver abbracciato le valute virtuali e non sorprende che attualmente le terminologie associate alle criptovalute continuino a volare dappertutto, diventando quasi concetti familiari. In qualità di investitore o trader di criptovalute, volete essere precisi in qualsiasi cosa diciate e distinguervi dalle chiacchiere di strada.

WARNING: Investing in crypto, or other markets, can be of a high risk for your savings. Do not invest money you cannot afford to lose, because there is a risk for losing all of your money when investing in crypto, stocks, CFDs or other investments options. For example 77% of retail CFD accounts lose money.

Per quanto le criptovalute e la Blockchain vengano utilizzate per indicare la stessa cosa, sono diverse. Pertanto, una blockchain è una tecnologia ledger che sviluppa blocchi esclusivi, mentre una criptovaluta è un token scambiato nella tecnologia blockchain. Ogni blocco contiene informazioni distinte sulle transazioni.

Per capire meglio la differenza, possiamo usare Legoland come esempio. Se si vuole andare a Legoland, si utilizzerà il denaro per acquistare i biglietti da utilizzare a Legoland. Ciò significa che quando si è fuori da Legoland non si possono utilizzare i biglietti. In questo caso, i biglietti di Legoland sono le monete di criptovaluta, mentre Legoland è la rete blockchain. La rete offre un ecosistema di partecipanti dando loro la possibilità di utilizzare il denaro per accedere alle visite a Legoland.

Criptovaluta

Per criptovaluta si intende una riserva di valore digitale. Il suo uso principale è la vendita e l’acquisto di servizi, beni e proprietà. Esempi di criptovalute sono Bitcoin, Litecoin, Ether, DOT e Tether. Inoltre, le valute digitali sono altamente protette contro i furti informatici e le contraffazioni. Il motivo è che non sono controllati e nemmeno emessi da un’autorità centrale come una banca. Sono invece i partecipanti a comandare. Le criptovalute si presentano sotto forma di monete e token.

Oltre a fungere da mezzo di scambio, le criptovalute fungono da unità di misura e da riserva di valore. Inoltre, anche se il loro valore intrinseco è scarso, vengono utilizzati per valutare il valore di altre attività. Inizialmente, lo scopo delle criptovalute era solo quello di fungere da modalità di trasferimento del valore senza ricorrere a una terza parte fidata o a una banca. Per acquisire una criptovaluta, lo si fa con il mining. È diverso quando si acquisiscono le normali valute che si guadagnano con il duro lavoro.

Le caratteristiche delle criptovalute

  • Sicuro e veloce
  • Le criptovalute sono anonime, il che significa che non si conosce la persona che sta dietro a una transazione.
  • Irreversibile: significa che dopo aver eseguito una transazione non è possibile tornare indietro o annullarla.
  • Non ci sono debiti
  • L’offerta di mercato è controllata. Ad esempio, Bitcoin e ADA (Cardano) hanno un tetto massimo di 21 milioni di monete e 45 miliardi.
  • Non si chiede il permesso di prendere o dare del denaro a qualcuno.

Blockchain

Per blockchain si intende una tecnologia in cui vengono memorizzati dati o transazioni. Ogni blocco ha informazioni e dati unici. La confusione su cripto e blockchain è iniziata quando Satoshi Nakamoto ha chiamato la sua blockchain e cripto nell’ecosistema Bitcoin. Questo ha fatto credere che si tratti di due concetti identici e che possano essere utilizzati in modo intercambiabile.

Un blocco fa parte della blockchain ed è responsabile della registrazione delle transazioni. Una volta completata la transazione, il blocco viene memorizzato in una catena tramite crittografia. Dopo che un blocco ha completato un compito, viene sviluppato un nuovo blocco. Ogni blocco di una blockchain può essere rintracciato perché possiede l’hash di un blocco precedente. Tuttavia, il numero di blocchi in una catena può comportare problemi quali la sincronizzazione e l’archiviazione. L’aspetto positivo della tecnologia blockchain è che i blocchi possono essere solo distribuiti. Non possono essere modificati, copiati o addirittura cancellati.

Per il Bitcoin crypto, esiste una blockchain Bitcoin. Inoltre, Ether funziona sul database della blockchain Ethereum. Tuttavia, le criptovalute come Tether non hanno la loro blockchain. Pertanto, i suoi token esistono nella blockchain di Ethereum ed è lì che vengono registrate le transazioni. Ciò indica che alcune criptovalute possono condividere un database blockchain. Ethereum ospita anche alcuni gettoni non fungibili (NFT).

Le principali caratteristiche di una Blockchain

  1. È un ecosistema privo di manomissioni
  2. La blockchain è decentralizzata, il che significa che nessun individuo può manipolare o modificare il suo funzionamento.
  3. L’uso principale è il conio di monete
  4. La blockchain è un libro mastro distribuito che facilita la gestione e contrasta le frodi.

Come la Blockchain è diversa dalle criptovalute

Come ho detto prima, si credeva che le criptovalute e la blockchain fossero la stessa cosa, invece sono molto diverse. Le differenze si presentano in forme diverse, come la natura intrinseca e l’uso. Inoltre, mentre le criptovalute hanno un valore, la blockchain non ha alcun valore collegato.

Trasparenza

Poiché la Blockchain è un libro mastro pubblico, è molto trasparente. Offre a qualsiasi investitore la possibilità di entrare in una rete blockchain e di visualizzare le informazioni disponibili. Tuttavia, nelle criptovalute c’è l’anonimato. Per quanto chiunque possa vedere la destinazione e la fonte di una transazione in bitcoin, nessuno può sapere chi c’è dietro la transazione.

Valore monetario

Ogni criptovaluta nel mondo ha un valore. Ad esempio, attualmente (oggi4 agosto 2022), le principali criptovalute, tra cui Bitcoin, Ether e Tether, valgono rispettivamente 22.964,95, 1.627,01 e 1,00 dollari. D’altra parte, una blockchain non ha alcun valore monetario.

Mobilità

La tecnologia blockchain è decentralizzata. Inoltre, è distribuito in tutto il mondo. La decentralizzazione significa che non esiste un unico luogo in cui vengono memorizzati i record della blockchain. Tuttavia, le criptovalute, pur essendo contenute in blockchain, sono accessibili solo attraverso portafogli mobili. Ad esempio, se si dispone di un portafoglio bitcoin, lo si può utilizzare ovunque quando si effettuano transazioni con persone o istituzioni che accettano Bitcoin.

Natura intrinseca

La blockchain è principalmente una tecnologia di archiviazione utilizzata per salvare i dati su reti decentralizzate. Inoltre, una Blockchain può aiutare a memorizzare varie forme di informazioni oltre ai record delle transazioni crittografiche. D’altra parte, le criptovalute sono un mezzo di scambio. Un esempio è il dollaro USA.

Utilizzo

Le criptovalute sono denaro digitale. Viene utilizzato per l’acquisto di beni e servizi e per gli investimenti. Per quanto riguarda la tecnologia Blockchain, ha altri usi oltre alle criptovalute. Ad esempio, aiuta a registrare le transazioni nei settori della vendita al dettaglio, della catena di approvvigionamento, della sanità e delle banche.

Le analogie tra blockchain e criptovalute

Sebbene esistano differenze tra Blockchain e criptovalute in termini di utilizzo, natura intenzionale, valore monetario e mobilità, esse presentano alcune analogie. Questi includono l’interdipendenza, l’intangibilità e la tecnologia.

Interdipendenza

Blockchain e criptovalute dipendono l’una dall’altra. Affinché l’uno funzioni, l’altro deve esistere. Il motivo è che mentre la blockchain offre un percorso di registrazione delle transazioni, le criptovalute sono gli strumenti (monete) che vengono trasferiti.

Intangibile

Sia le criptovalute che la blockchain sono intangibili. Non è possibile toccarli come la moneta a corso fisso. Inoltre, sono virtuali.

Tecnologia

Le criptovalute e le blockchain fanno parte delle recenti innovazioni tecnologiche. Satoshi Nakamoto ha inventato la prima blockchain nel 2009. Il suo obiettivo era quello di eliminare le terze parti quando si effettua una transazione.

 

Author Fredrick Awino