Le principali differenze tra bitcoin ed Ethereum che gli investitori dovrebbero conoscere

Fredrick Awino
08.07.2022
166 Views

Ogni giorno si presenta una nuova schiera di uomini e donne ambiziosi, soprattutto di mezza età, che desiderano sfondare investendo e commerciando in criptovalute. Le persone hanno questa folle corsa per diventare ricche, giustamente perché come Scarface sang, il denaro fa girare il mondo. In realtà, le storie di successo dei primi investitori ambiziosi che sono diventati follemente ricchi alimentano l’entusiasmo dei nuovi investitori in criptovalute.

WARNING: Investing in crypto, or other markets, can be of a high risk for your savings. Do not invest money you cannot afford to lose, because there is a risk for losing all of your money when investing in crypto, stocks, CFDs or other investments options. For example 77% of retail CFD accounts lose money.

A parte l’ambizione e l’esuberanza, le persone devono iniziare a decidere in quale criptovaluta investire esattamente. Sono tante le considerazioni personali e particolari che entrano in gioco in questa scelta. Tra le cose fondamentali c’è quella di sapere quale sia la principale criptovaluta sul mercato.

A rischio di promuovere l’ignoranza, molti hanno sempre considerato il bitcoin come sinonimo di criptovaluta. Il fatto è che il bitcoin è stata la prima criptovaluta ad emergere e da allora ha mantenuto una posizione di prestigio. Le monete alternative, note anche come altcoin, non sono riuscite a scalzare il bitcoin. Per questo motivo, la moneta pioniera rimane così popolare e ampiamente accettata. Questa popolarità è culminata con l’introduzione della moneta legale in El Salvador. Cerchiamo di fare luce sulle principali differenze tra il bitcoin e il suo stretto rivale, Ethereum.

Volete investire in criptovalute? È necessario conoscere le prime cose

Ci sono cose che bisogna sapere prima di buttarsi nel mondo delle cripto carrozzone. Se siete pronti a tuffarvi nel mercato degli investimenti in criptovalute, ma non siete ancora sicuri delle differenze esistenti tra Bitcoin ed Ethereum, siete sicuramente nel posto giusto. Bitcoin vs Ethereum è probabilmente il più grande argomento di discussione in corso nel settore delle criptovalute. Idealmente, sia Bitcoin che Ethereum costituiscono due popolari criptovalute attualmente in circolazione. Lo sviluppo delle valute digitali ha creato una piattaforma per i moderni mercati delle criptovalute.

Ricordiamo che queste due valute sono simili per molti aspetti. Ad esempio, gli investitori commerciano entrambe le criptovalute online attraverso gli scambi di criptovalute. Sono anche memorizzati in portafogli digitali. La cosa più importante da notare in questo caso è il fatto che sia Bitcoin che Ethereum sono decentralizzati. Ciò significa che il governo o qualsiasi altra autorità centrale non ha il potere di emetterli o regolamentarli. Utilizzano inoltre la tecnologia blockchain, che contribuisce a regolarli e a renderli sicuri.

Bitcoin vs Ethereum

È importante comprendere le differenze esistenti tra queste due criptovalute. Una migliore comprensione vi aiuterà a prendere una decisione informata e a scegliere la moneta che ritenete più adatta a voi. Inoltre, evitate di investire in criptovalute perché lo ha fatto un vostro caro. Ciò che ha funzionato meglio per loro potrebbe non funzionare per voi. Vediamo le differenze tra Bitcoin ed Ethereum.

Caratteristiche principali del Bitcoin

Come avrete già letto,
Bitcoin
è stata la prima criptovaluta a essere introdotta nel 2009. Sebbene si tratti di un’idea nata sulla carta da parte di un Satoshi NakamotoLa moneta ha registrato una crescita significativa per fornire una valuta online sicura. Il Bitcoin utilizza la tecnologia blockchain e quindi non dipende da sistemi centralizzati o regolamentati da un governo centrale. In questo caso non ci si deve aspettare di toccare una moneta fisica. Si basa invece esclusivamente sugli equilibri legati alla crittografia.

Ricordiamo che il Bitcoin non ha un riconoscimento formale come mezzo di scambio o deposito di ricchezza. Nonostante queste restrizioni, la moneta digitale ha sfidato le enormi opposizioni contro le normative finanziarie esistenti per entrare a far parte del sistema di pagamento globale. Attualmente è l’asset più performante al mondo.

Un’istantanea delle basi di Ethereum

Bitcoin utilizza la tecnologia blockchain e consente di allegare ogni messaggio a ogni transazione. Ethereum non fa nulla di diverso, se non migliorare questa funzionalità. In particolare, utilizza la tecnologia blockchain per creare una rete informatica decentralizzata che opera su Ether (ETH). Grazie all’utilizzo dei contratti intelligenti, le applicazioni potenziali di Ethereum sono illimitate ed è quindi una
criptovaluta che attualmente insegue il bitcoin
.

Le principali differenze tra Bitcoin ed Ethereum che ogni investitore deve conoscere

Cosa rende Ethereum diverso dal Bitcoin?

Per rispondere a questa domanda, ho classificato le differenze in diverse sottosezioni che vi daranno un quadro chiaro per capire meglio. Ho anche spiegato come funziona ogni valuta in relazione a ciascuna categoria. Vedi sotto:

1. Funzione di valuta

Il Bitcoin è stato sviluppato principalmente per fornire un’alternativa alla tradizionale valuta fiat. Quindi, l’idea originale era quella di risolvere i problemi legati alla valuta fiat. Il suo uso era quindi quello di mezzo di scambio e di pagamento. Ha anche altre funzioni, che alla fine avvantaggiano gli utenti.

Per Ethereum, invece, lo scambio non è la ragione principale della sua creazione. È stato invece creato come una piattaforma e un ecosistema che consentisse l’esecuzione simultanea di numerose applicazioni. In quanto tale, è possibile utilizzare la piattaforma in numerosi modi basati sulla sua valuta principale, l’Ether.

2. Livello di fornitura

Probabilmente il livello di offerta costituisce la principale differenza tra le due valute e ci aiuterà a rispondere alla nostra domanda. Esiste solo una quantità limitata di bitcoin e si prevede che lo sarà in futuro a causa dell’effetto di dimezzamento e del tetto massimo di 21 milioni di bitcoin. Quindi, anche se è possibile che una società emetta un numero di azioni molto maggiore, la quantità di Bitcoin difficilmente supererà i 21 milioni. Il suo creatore, Satoshi, ha fissato questo numero per promuovere la scarsità e quindi contribuire a mantenere il suo valore, proprio come l’oro. Una volta raggiunto il limite massimo di fornitura delle monete, vi verrà richiesto di considerare altri flussi di entrate alternativi, come le commissioni di transazione.

D’altra parte, non c’è nulla di simile al limite superiore nel caso di Ethereum. Anche se recentemente Vitalik Buterin (il cofondatore di Ethereum) ha accennato all’introduzione di un limite per prevenire e proteggere l’offerta complessiva di Ether, l’offerta stessa è controllata attraverso la “combustione”. Questo processo impedisce ai minatori di giocare con il sistema e di tentare di provocare la deflazione.

3. Protocollo di consenso

Attualmente, sia Ethereum che Bitcoin utilizzano il protocollo di consenso noto come proof of work (PoW). Qui gli investitori sono in grado di verificare l’accuratezza di tutte le nuove transazioni che avvengono o che vengono aggiunte alla blockchain. Inoltre, impedisce al sistema di subire attacchi economici alle reti.

Anche se sembra esserci una somiglianza, Ethereum ha accennato al passaggio a un sistema diverso, noto come “proof of stake”.
prova di puntata
(PoS) nell’ambito del suo progetto di aggiornamento a ETH2.0. Senza dubbio, l’aggiornamento del PF 2.0 aspira a risolvere le sfide della scalabilità. Questo processo renderà la criptovaluta più ecologica.

4. Transazioni in bitcoin o Ethereum

Una differenza sostanziale esiste anche per quanto riguarda la natura delle transazioni tra Ethereum e Bitcoin. Si noti che le transazioni in Bitcoin avvengono su base monetaria. In questo modo, tutte le transazioni eseguite possono essere collegate a note e messaggi attraverso la codifica delle transazioni.

Mentre codici simili esistono in Ethereum, il loro uso rimane principalmente per stabilire contratti intelligenti. I codici contribuiscono anche a facilitare le interazioni in tutte le applicazioni costruite con essi. Questa tecnologia consente agli sviluppatori di creare un numero illimitato di applicazioni che non dipendono da terzi per le transazioni tra gli utenti.

Cosa significano le differenze tra bitcoin ed Ethereum

Se state cercando di investire nelle criptovalute e siete intenzionati a rimanere nel settore per qualche tempo, vi suggerisco di
capire bene sia l’Ether che il Bitcoin
. Come ho spiegato sopra, queste due valute non sono uguali nella maggior parte delle loro parti. Con una corretta comprensione, è possibile prendere decisioni di investimento migliori e adatte ai propri obiettivi finanziari.

 

Author Fredrick Awino